I Tarantolati di Tricarico il 5 in piazza Cattedrale

tarantolati

Per la rassegna AstiMusica, giovedì 5 luglio il palco di piazza Cattedrale ospita (inizio alle 21,30) I Tarantolati di Tricarico, una delle formazioni in attività più longeve della scena musicale italiana. Nascono in Lucania nel 1975 e conquistano presto la ribalta nazionale grazie al talent-scout Giancarlo Cesaroni, direttore del Folk Studio, il mitico locale romano culla di alcuni tra i più importanti cantautori italiani. Autentici interpreti della taranta lucana, negli anni ’70 sono stati pionieri di uno stile creativo unico, caratterizzato da ritmiche trascinanti, ossessive, dalla presenza scenica travolgente e coinvolgente, con i tamburi in primo piano e le voci maschili all’unisono, nella ripetizione evocativa dei versi della tradizione quasi fossero dei mantra. Uno stile che è entrato a far parte a pieno titolo della tradizione della Basilicata e dell’intera penisola, raccogliendo le entusiastiche critiche di tanti esperti internazionali. Il cuore della tradizione di Tricarico sono i tamburi, le celebrazioni laiche e pagane restituite al calore di piazze affollate, che portano in sé anche lo spregio per le ingiustizie quotidianamente subite dagli ultimi, sempre nel vivo pulsare del presente e lontano dalle stanche riproposizioni da museo etnografico.Le loro musiche sono state scelte per la colonna sonora del noto film “Le rose del deserto” di Mario Monicelli e, nel 2016, da Emir Kusturica per lo spettacolo “Magna Grecia. Il Mito delle Origini”. Nel 2015 sono stati scelti dalla regione Basilicata come ambasciatori della musica e della cultura Lucana per l’Expo 2015 nel padiglione Italia: è loro il brano ufficiale per la Capitale europea della Cultura “Matera 2019”. Nel 2015 festeggiano i primi 40 anni di attività(1975-2015), con l’uscita di una compilation. Dopo quarant’anni ancora di più, grazie anche all’apporto dei nuovi elementi, oggi ripensano la tradizione e scrivono la musica del futuro, cantano la civiltà contadina e suonano la musica del mondo.

Comments are closed.